DPCM del 3 dicembre 2020

La sintesi del DPCM del 03 dicembre 2020

Spostamenti
Dal 21 dicembre al 6 gennaio 2021 sono vietati gli spostamenti tra Regioni diverse (compresi quelli da o verso le province autonome di Trento e Bolzano), ad eccezione degli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Il 25 e il 26 dicembre e il 1° gennaio 2021 sono vietati anche gli spostamenti tra Comuni diversi, con le stesse eccezioni (comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute). È sempre possibile, anche dal 21 dicembre al 6 gennaio, rientrare alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Seconde case
Dal 21 dicembre al 6 gennaio è vietato spostarsi nelle seconde case che si trovino in una Regione diversa dalla propria. Il 25 e 26 dicembre e il 1° gennaio il divieto vale anche per le seconde case situate in un Comune diverso dal proprio.

Shopping
I negozi e i centri commerciali potranno restare aperti fino alle 21. Centri commerciali chiusi nei festivi e prefestivi , a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi ed edicole.

Coprifuoco
Confermato il coprifuoco per tutto il periodo di validità del Dpcm alle 22 fino alle 5, compresi i giorni di festa a Natale e il 6 gennaio. A Capodanno il coprifuoco durerà fino alle 7 del mattino.

Rientri dall’estero
Scatta la quarantena obbligatoria per chiunque torni in Italia dall’estero dal 21 dicembre.

Scuola
Ritorno in classe anche per le superiori dal 7 gennaio con didattica in presenza al 75%;

Cene
Sarà fortemente raccomandato di organizzare le cene in casa con i parenti stretti, possibilmente solo tra quelli già conviventi.

Vacanze sulla neve
Gli impianti da sci riapriranno il 7 gennaio

 

DPCM 03.12.2020 Allegati DPCM 03.12.2020