Raccolta firme per i 4 referendum abrogativi

I 4 quesiti del referendum della Cgil sul Jobs Act

Data :

7 giugno 2024

Municipium

Descrizione

Il primo quesito si intitola “Abrogazione delle norme che impediscono il reintegro al lavoro in caso di licenziamenti illegittimi“. Il quesito punta a cancellare quelle norme sui licenziamenti del Jobs Act che consentono alle imprese di non reintegrare un lavoratore licenziato in modo illegittimo nel caso in cui sia stato assunto dopo il 2015.
Il secondo quesito è “Abrogazione delle norme che facilitano i licenziamenti illegittimi nelle piccole imprese“. Chi firma per il “sì” intende cancellare il tetto massimo all’indennizzo in caso di licenziamento ingiustificato nelle piccole aziende, affinché sia il giudice a determinare il giusto risarcimento senza alcun limite.
Il terzo quesito si intitola “Abrogazione delle norme che hanno liberalizzato l’utilizzo del lavoro a termine“. Lo scopo di chi vota “sì” è quello di cancellare la liberalizzazione dei contratti a termine per limitare l’utilizzo a causali specifiche e temporanee.
Il quarto e ultimo quesito è “Abrogazione delle norme che impediscono, in caso di infortunio sul lavoro negli appalti, di estendere la responsabilità all’impresa appaltante“. Si punta a cancellare la norma che esclude la responsabilità solidale delle aziende committenti nell’appalto e nel subappalto, in caso di infortunio e malattia professionale del lavoratore.
L’ufficio Elettorale è aperto nei seguenti orari:
dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 13,00  il martedì dalle ore 15:30 alle 18:00.


 

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?
1/2
Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?
1/2
Vuoi aggiungere altri dettagli?
2/2
Inserire massimo 200 caratteri
È necessario verificare che tu non sia un robot